I venerdì dello Studio BNC – Eventi precedenti – 2024

Manca poco meno di un mese alle elezioni amministrative che l’8 e il 9 giugno decideranno le sorti della città di Bergamo per i prossimi cinque anni e i candidati, Elena Carnevali per il centrosinistra e Andrea Pezzotta per il centrodestra, hanno parlato agli elettori insieme, in un confronto faccia a faccia durante uno speciale de “I venerdì dello Studio BNC”.

I candidati sono intervenuti su temi nevralgici e strategici per la città: mobilità, sicurezza e politiche sociali.

A intervistarli Benedetta Ravizza (giornalista de L’Eco di Bergamo), Simone Bianco (caposervizio del Corriere della Sera Bergamo) e Davide Agazzi (direttore di Bergamonews), mentre a condurre Vito Filì, direttore di Qui Bergamo.

Un’opportunità per i cittadini, che potranno approfondire le posizioni dei candidati e orientare la propria scelta politica alle vicine elezioni, e per chiunque sia interessato a comprendere le sfide e le prospettive che Bergamo dovrà affrontare nei prossimi anni.  

Per comprendere meglio il ruolo e l’impatto dell’Unione europea e del Parlamento europeo sulla vita di tutti noi, è fondamentale avere una visione chiara e approfondita del funzionamento di queste istituzioni. 

Un impegno particolarmente rilevante alla luce delle prossime elezioni europee (8-9 giugno 2024) in cui avremo l’opportunità di esprimere la nostra volontà attraverso il voto.

Una conoscenza approfondita di questi temi può aiutare a incentivare una partecipazione democratica più consapevole e attiva. 

Ne parliamo con la prof.ssa Cinzia Peraro, Associata di Diritto dell’Unione europea presso l’Università degli studi di Bergamo, intervistata da Franco Cattaneo, giornalista de L’Eco di Bergamo.

A 5 settimane dall’eurovoto, con cui circa 360 milioni di elettori dell’Unione – sparsi in 27 Stati – sceglieranno i loro nuovi 705 rappresentanti politici, anche “I Venerdì dello Studio BNC” si occuperanno dell’imminente chiamata alle urne.

Ospite della trasmissione il giornalista Enrico Cisnetto. In particolare, il fondatore nonché Direttore di War Room ha delineato quale Italia e quale Unione Europea si augura possano uscire vincitrici dalla tornata elettorale.

A intervistarlo il giornalista e consulente per la comunicazione d’impresa Fabrizio Calvo.

Nel primo venerdì che segue la giornata nazionale della salute della donna, affrontiamo un viaggio nell’interiorità dell’essere umano dei tempi moderni, per capire cosa significhi essere donne ed essere uomini oggi.

Lo facciamo con le due autrici del saggio “Manuale d’amore” (Giraldi Editore): Barbara Majnoni d’Intignano, giornalista e grafologa, ed Elisabetta Notaro, psicologa, psicoterapeuta e sessuologa.

Il libro scandaglia a fondo luci e ombre dell’amore e dei rapporti interpersonali, per accompagnare ragazzi e adulti nella costruzione di una relazione costruttiva, come base di una società basata sul rispetto reciproco. 

Intervista il giornalista Gaetano Zoccali.

Facciamo luce sui meccanismi che regolano l’informazione e il dibattito sui Social con il professor Walter Quattrociocchi, direttore del center for Data Science and Complexity for Society dell’Università la Sapienza di Roma.

Informatico con dottorato in logica matematica, è tra i massimi esperti mondiali nell’analisi dei dati nei sistemi complessi.

Le sue analisi supportano la stesura del Global Risk Report del World Economic Forum, coordina il gruppo di ricerca interaccademico IRIS per promuovere la corretta informazione sulla salute nel sistema informatico nell’ambito del G7 ed è autore dei saggi “Misinformation. Guida alla società dell’informazione e della credulità”, “Liberi di crederci. Informazione, internet e post verità” e “Polarizzazioni. Informazioni, opinioni e altri demoni dell’infosfera”.

È appena stata pubblicata su Nature un’analisi inedita del suo gruppo di ricerca sulle dinamiche di tossicità nelle conversazioni su 8 piattaforme Social, in una finestra temporale di 34 anni.

Lo intervista il giornalista Gaetano Zoccali.

Mancanza di cibo e acqua, inquinamento ambientale, incidenti…

I ricci sono animali in pericolo e il loro incredibile declino riguarda parecchio anche il nostro destino, perché i simpatici mammiferi notturni che vivono a contatto con il suolo frequentando i nostri giardini sono considerati animali sentinella e il loro stato di salute ci indica la qualità dell’ambiente in cui viviamo.

Come aiutarli? Ne parliamo con Massimo Vacchetta, il veterinario che nel 2014 ha fondato il Centro Recupero Ricci La Ninna a Novello (Cn), unica clinica specializzata in Italia dove ogni anno, grazie alle donazioni, vengono curati circa 400 di questi animali che poi vengono reintrodotti in natura una volta guariti e dove sono ospitati in maniera permanente circa 50 ricci che non possono più tornare in libertà a causa degli incidenti subiti, affidati alle cure di veterinari e volontari.

Vacchetta ha fatto conoscere al grande pubblico italiano ed europeo incredibili storie di ricci ed altri animali, con bestseller tradotti in 14 lingue, da 25 grammi di felicità a Raccontami qualcosa di bello (Sperling&Kupfer).

Il suo lavoro è stato raccontato nel film-documentario “Il soccorritore di ricci in Piemonte” (50 min), che ha vinto il Nature Film Festival in Germania, ricevendo il premio direttamente dalle mani della ministra per l’ambiente tedesca. Da quando è stato premiato, il documentario è stato proiettato in molte scuole e continuerà a sensibilizzare studenti in tutta Europa.

Bussiamo alla porta di un ex pubblicitario che dopo aver vinto 13 Leoni d’oro, di platino e di titanio ed essere stato direttore artistico di Nike e Adidas si è rifugiato in una piccola stanza fosforescente.

Cos’è questa stanza fosforescente?

Ne abbiamo parlato con Lorenzo De Rita, esperto di comunicazione, intervistato da Gaetano Zoccali, giornalista.

L’equinozio di primavera, la luna, la luce, il pesce, l’uovo, il ruolo delle donne: la Pasqua racchiude in una serie di riti diversi simboli.

Considerati sacri dalla cristianità ma che affondano le loro radici nella storia dell’uomo.

Ne abbiamo parlato con don Giulio Dellavite, delegato vescovile della Curia di Bergamo e Davide Agazzi, direttore di Bergamonews.

Bergamo si prepara a eleggere il nuovo Sindaco per i prossimi cinque anni.

A contendersi la poltrona di Piazza Matteotti sono Elena Carnevali, candidata per il centrosinistra, e Andrea Pezzotta, candidato per il centrodestra. 

Per approfondire le loro posizioni rispetto ai temi caldi che riguardano la città – mobilità e viabilità, sicurezza, cultura e turismo Elena Carnevali e Andrea Pezzotta si raccontano in due interviste speciali all’interno del format de “I venerdì dello Studio BNC”, intervistati da Benedetta Ravizza (giornalista de L’Eco di Bergamo), Simone Bianco (caposervizio del Corriere della Sera Bergamo) e Davide Agazzi (direttore di Bergamonews).

Un confronto che, pur “a distanza”, ci ha permesso di conoscere da vicino le proposte e le visioni dei due candidati sul futuro di Bergamo.

Un’opportunità unica non solo per i cittadini, ma anche per chiunque sia interessato a comprendere le sfide e le prospettive che si delineeranno nei prossimi mesi.

Perché ci sentiamo su di giri quando ascoltiamo determinate tracce musicali? Qual è il meccanismo biologico per cui la musica arriva a influenzare il nostro cervello?

Le varie componenti musicali – note, ritmo, frequenze sonore – possono risvegliare ricordi, suscitare emozioni e persino stimolare la produzione di sostanze come la dopamina, che impattano sul nostro stato d’animo.

Questo spiega l’effetto terapeutico della musica, capace di lenire l’ansia, ridurre lo stress e persino potenziare concentrazione e memoria.

Nella Settimana del Cervello 2024, ne abbiamo discusso con il dott. Furio Ravera, psichiatra e socio fondatore del Gruppo Ginestra, nonché grande appassionato di musica, in un’intervista condotta da Gaetano Zoccali, giornalista.

Vivere di musica.  Improvvisazione, incontri, didattica di Claudio Angeleri, pianista di levatura internazionale, compositore, didatta.

Nel libro Angeleri affronta con la leggerezza del racconto autobiografico una vita trascorsa in musica, «inventando il modo di vivere mentre si vive», come nell’improvvisazione jazz.
A intervistarlo il giornalista Carlo Dignola.

Dai cambiamenti nel mercato europeo alle regole d’ingaggio, fino al ruolo della Fiera come istituzione.

Luciano Patelli e Davide Lenarduzzi, presidente e amministratore delegato di Promoberg, hanno inquadrato il presente e il futuro della Fiera di Bergamo,
contestualizzato nel territorio orobico e nel panorama fieristico internazionale.

A intervistarli Giorgio Dusi, giornalista di Bergamonews.

I suoi personaggi e i suoi tormentoni hanno fatto ridere milioni di italiani: Raul Cremona racconta la sua storia, dai palchi dei locali di cabaret milanesi alla televisione, con Mai Dire… e Zelig.

Tra trucchi di magia ereditati dai parenti e spirito comico, un binomio che lo ha reso il capostipite di un nuovo genere.
A intervistarlo Giorgio Dusi, giornalista di Bergamonews.

Dal carisma inconfondibile è stata la Marilyn Monroe dell’opera lirica.

Nella scorsa puntata de “I venerdì dello Studio BNC” abbiamo parlato di Maria Callas, la Divina con Eleonora Bagarotti, scrittrice, saggista e autrice del libro “100 anni di Maria Callas. Nei ricordi di chi l’ha conosciuta” e Fabio Santini, critico e giornalista.
Abbiamo ripercorso insieme tutte le tappe della vita dell’artista, raccontate in un’opera che lascia spazio ad interpretazioni e ricordi delle persone a lei più vicine.

Nel 2021 più di 94mila italiani hanno deciso di lasciare il nostro Paese, una quota in crescita del 38% rispetto a 10 anni prima: uno su tre aveva tra i 25 e i 34 anni e tra loro quasi la metà con una laurea o un titolo superiore tra le mani. 
Allo stesso tempo si è assistito, in modo più accentuato a partire dal 2016, a una “fuga” di capitali verso i paradisi fiscali: una ricchezza che vale 197 miliardi di euro, il 10,6% del Pil.

Sono i dati e i presupposti dai quali ha preso vita “Talenti e Capitali – Simul stabunt simul cadent”, l’ultima fatica editoriale di Stefano Paleari, professore di Public Management presso l’Università degli Studi di Bergamo.

Con Paleari abbiamo approfondito il legame tra queste due variabili, centrali per l’Italia, e visto quali accorgimenti potrebbero essere presi per fare in modo che il nostro Paese torni ad essere attrattivo tanto per le persone quanto per il denaro.

Sarà impossibile per i bergamaschi e i bresciani dimenticare il 2023.

Essere insieme Capitale italiana della Cultura 2023 è stata un’esperienza sfidante, un’opportunità di crescita e prosperità legata non solo per il mondo della cultura.

I 11,6 i milioni di visitatori nelle due città nell’arco di 12 mesi sono la prova che la cultura genera ricchezza a 360°.

Qual è quindi l’eredità di Bergamo Brescia Capitale italiana della Cultura 2023? Quali sono i progetti per il 2024?

Ne ha parlato Nadia Ghisalberti, assessora alla cultura del Comune di Bergamo ospite della scorsa puntata de “I Venerdì dello Studio BNC”.
A intervistarla la giornalista Francesca Lai.

Le accuse, il processo e l’assoluzione piena: Andrea Moltrasio, allora presidente del Consiglio di Sorveglianza, racconta, insieme alla moglie e avvocato, Claudia Zilioli, uno dei casi giudiziari di maggior risonanza dell’ultimo decennio.

“Trovare il coraggio per chiedere aiuto può salvarci la vita!”, assicura Piero Piazzi, ex modello, oggi manager nel mondo della moda e presidente di Women Management, che ha scelto di raccontare a “I Venerdì dello Studio BNC” il percorso che lo ha portato a sconfiggere la depressione.

Ho capito quanto questa condivisione possa essere di aiuto per chi combatte contro il “male del secolo”- spiega Piazzi, oggi testimonial di Progetto Itaca – principale organizzazione italiana impegnata a favore della salute mentale – ma anche socio fondatore dell’associazione no-profit To.Get.There, che fornisce assistenza sanitaria in Sud Sudan e in Uganda.

A intervistarlo il giornalista Gaetano Zoccali

Il 2024 sarà un anno molto importante per l’Europa.

Tra le guerre in Ucraina e Medio Oriente e il nuovo Patto di Stabilità, le elezioni e le tentazioni sovraniste: ecco tutte le sfide che sono state affrontate nel dialogo tra Pino Roma e Cesare Zapperi.